Scrittura, Teatro

“Voglio giustizia!”

13/08/2019

Commedia teatrale in due atti di Gianluca Sposito (© 2019)

Vincenzino Scarpisato ha 40 anni e ha ereditato lo studio dal padre, il noto avvocato napoletano Vincenzo Scarpisato. Poco propenso a svolgere la professione perché costrettovi, è tecnicamente dotato, integerrimo e idealista. Celibe per scelta, è accudito, a casa e in studio, dalla storica segretaria del padre, donna Attilia, seppure oramai in pensione.

Vincenzino riceve l’improvvisa visita di una possibile nuova cliente, Speranza Immobile. La donna intende procedere nei confronti del marito Antonio Esposito, reo a suo dire di un “comportamento” spregevole e disumano che sin dal matrimonio tiene nei suoi confronti.

Ma l’avvocato Scarpisato non ne è convinto…

Parodia surreale del matrimonio e della giustizia, senza collocazione spazio-temporale ma con personaggi prevalentemente napoletani, è giunta nella cinquina finalista (unica commedia) al primo Concorso nazionale di scrittura drammaturgia “Antonio Conti” (Amici della Prosa – GAD Pesaro) 2019.

Personaggi: Vincenzino Scarpisato, l’Avvocato; Donn’Attilia, la Segretaria; Speranza Immobile, la Cliente; Serena Donnola, la madre della Cliente; Procopio Iannone, l’ex fidanzato della Cliente; Don Carmine Abbondanza, il Parroco; La Cancelliera; Il Giudice; Antonio Esposito, il marito della cliente.

SIAE – Codice IPI Autore: 391107377 – Codice opera: 938306A