Teatro

Perché il teatro? Perché è un luogo magico dove tutto può accadere. E’ il luogo in cui ci si confronta con ciò che si è e con ciò che non si è ma si deve essere. E lo si fa davanti agli altri, per suscitare e condividere con loro emozioni ogni volta uniche.

Ho provato una primissima, piacevole sensazione nel condividere qualcosa con un pubblico, da studente. Forse a 13 anni, leggendo per la mia scuola un testo d’arte in una chiesa gremita di altri compagni, insegnanti e avventori occasionali. Quella bellissima sensazione di piacere e benessere mi ha accompagnato per tutta la vita, portandomi a confrontare con il ‘pubblico’ in contesti spesso diversi (come avvocato e docente) e spingendomi poi a dedicarmi al teatro a partire dal 2015.

Non come attore professionista ma come un professionista che decide di imparare e confrontarsi con disciplina, rigore, creatività. Per emozionarmi ed emozionare.